Vai al contenuto

Resta traccia di un licenziamento per giusta causa?

Molti dipendenti sono preoccupati della possibilità che rimanga traccia sul proprio curriculum di un licenziamento per giusta causa. 

La preoccupazione è legittima e comprensibile, nessuno ha piacere che sia accessibile a terzi un’informazione relativa alla risoluzione di un rapporto di lavoro precedente.

Partiamo però da una considerazione: il motivo del licenziamento (sia quindi esso per giusta causa, giustificato motivo oggettivo o giustificato motivo soggettivo) è sempre e comunque un dato personale, e come tale tutelato dalla normativa vigente sulla privacy.

Chi può scoprire se si è stati licenziati per giusta causa?

I soggetti che possono sapere se si è stati licenziati per giusta causa sono: 

  • Il datore di lavoro e il suo consulente
  • Il dipendente
  • Gli organi pubblici (portale collocamento/Inps)

Per sapere quindi se rimane traccia del licenziamento per giusta causa occorre sapere come trattano il dato i soggetti coinvolti, tenendo conto che non esiste alcun registro pubblico dei licenziamenti!

Il linea teorica il datore di lavoro non può riferire circostanza sul motivo del licenziamento a terzi. Come si è detto sopra è un dato personale e riservato e, ove venga diffuso dal datore di lavoro, il dipendente può agire per tutelare i propri diritti e ottenere il risarcimento del danno.

È inoltre escluso che sia il dipendente a lasciare traccia del proprio licenziamento per giusta causa, salvo non decida di farlo, chiaramente.

Infine, il timore più diffuso è che i nuovi datori di lavoro abbiano accesso ai dati pregressi sui rapporti di lavoro dei dipendenti. Ma i datori di lavoro non hanno accesso a questi dati, non possono quindi sapere la storia lavorativa del dipendente o le ragioni dei licenziamenti.

Il centro per l’impiego è naturalmente in possesso della storia lavorativa del dipendente e delle ragioni di interruzione del rapporto di lavoro (licenziamento o dimissioni) ma non può fornire (e non fornisce) questi dati ai datori di lavoro.

Possiamo quindi dire che non rimane traccia del licenziamento per giusta causa, nel senso che non è possibile per un datore di lavoro scoprire se e perché sia stato licenziato un lavoratore.

Avvocato del Lavoro Andrea Mannino

Mi chiamo Andrea Mannino e sono un avvocato specializzato in Diritto del Lavoro

Rivolgiti a me per qualunque problema legato alla sfera lavorativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *