Contattaci

02 2440278

Orario

lun-ven 10 - 13 | 15 - 19

Email

milano@dirittilavoro.it

Home subordinazione Gli operatori di call center sono lavoratori subordinati?

Blog

Gli operatori di call center sono lavoratori subordinati?

La natura subordinata della prestazione di lavoro degli operatori di call center
Commentiamo una sentenza del Tribunale di Roma del 6 maggio 2019 relativa a società che eroga servizi di call center gestisce, a favore di primaria società di telefonia, due campagne telefoniche: una per la gestione di disservizi tecnici riscontrati dagli utenti con la modalità cd. out bound, l’altra per la rilevazione del gradimento del servizio ricevuto in occasione di disservizi segnalati e la proposizione di specifiche offerte o tariffe.
Tale attività è stata svolta mediante impiego di collaboratori coordinati e continuativi con plurimi contratti ex art. 409, n. 3, c.p.c. fino al 31 gennaio 2018 e con applicazione dell’Accordo collettivo 31.7.2017 Asstel – Assocontact /CGL CISL UIL dal 1° febbraio 201
I lavoratori hanno chiesto in via giudiziale l’accertamento della subordinazione a tempo indeterminato part-time e, in via subordinata, la riconducibilità dei rapporti di lavoro nell’alveo delle collaborazioni coordinate organizzate (di seguito co.co.org.) di cui all’art. 2, comma 1, D.Lgs. n. 81/2015 con conseguente disapplicazione dell’Accordo 31.7.2017 e applicazione del CCNL Telecomunicazioni.
Il Giudice ha escluso l’esistenza di rapporti di lavoro subordinati sul rilievo che i collaboratori out bound potevano «decidere quando rendere la prestazione» e precisamente ciascuno:
a) «comunicava alla ricorrente la sua disponibilità di giorno e orario, prenotando la postazione»;
b) «non aveva vincoli di orario, rimanendo libero di scegliere se e quando rendere la prestazione»;
c) se anche fosse stato presente, in assenza di segnalazioni da evadere, «poteva scegliere se stare o meno in attesa che l’elenco si riempisse, per poi procedere o meno alla lavorazione»;
d) «non era tenuto a giustificare la sua assenza e non era soggetto ad alcun tipo di sanzione disciplinare».

No Comments

Post a Comment