Vai al contenuto

Come fare domanda di disoccupazione

Sei sei arrivato fin qui è perchè ti stai chiedendo come fare la tua domanda di disoccupazione. In questo articolo troverai quindi risposta a questa domanda nonché ad ogni questione che è importante in tema di NASPI. 

La domanda per ottenere il sussidio di disoccupazione può essere presentata in tre modalità:

  1. online dal sito web www.inps.it se si è in possesso del PIN dispositivo INPS, oppure di SPID (o CNS o Carta d’identità elettronica);
  2. mediante l’ausilio di un patronato;
  3. attraverso Contact Center Multicanale INPS, chiamando da rete fissa il numero gratuito 803164 o da cellulare il numero 06164164 (sempre in possesso di PIN INPS).

Si segnala inoltre che Inps ha rilasciato in via sperimentale un nuovo servizio per presentare la domanda di NASPI che consente all’utente di compilare agevolmente i dati richiesti (con precompilazione dei campi), avere evidenza dei dati rilevanti ai fini della durata e della misura dell’indennità di disoccupazione e avere evidenza di “avvisi” sulla compilazione. Rimandiamo a tal fine il link al messaggio INPS numero 1488 del 21 aprile 2023.

Come fare domanda di disoccupazione online?

Se si vuole inoltrare personalmente la domanda occorre eseguire il login nell’area dei Servizi online del sito INPS e seguire il seguente percorso:

• servizi per il cittadino;
• selezionare l’opzione “invio domande di prestazioni a sostegno del reddito”;
• cliccare sulla dicitura NASPI che comparirà sulla barra di sinistra, quindi nella sotto sezione “Indennità di NASPI” e compilare la domanda.

La domanda di disoccupazione online è composta da sei sezioni e in essa vanno inseriti i dati anagrafici e lavorativi dell’interessato. Verrà caricata automaticamente la posizione contributiva del richiedente e, nelle successive pagine, occorrerà indicare anche informazioni specifiche (ad esempio, eventuali periodi di lavoro svolti all’estero, la ricezione o meno del periodo di preavviso, ecc.).

Le ultime schermate riguardano la scelta di applicare le detrazioni familiari sull’importo che deriva dall’assegno di NASPI e se si desidera percepire gli assegni familiari. Gli assegni per il nucleo familiare saranno erogati dall’INPS assieme alla disoccupazione; l’importante è compilare la domanda di ANF mentre si inoltra la domanda di disoccupazione online.

In fase di invio dell’istanza, la procedura su come fare domanda di disoccupazione chiederà anche se si ha diritto alle detrazioni fiscali; oltre alle detrazioni da lavoro dipendente si potranno ottenere:
• le detrazioni per figli a carico;
• le detrazioni per moglie a carico.

Requisiti soggettivi per accedere alla disoccupazione

Possono presentare la domanda di disoccupazione i seguenti soggetti:

  • I lavoratori dipendenti del settore privato, che avevano in corso un rapporto di lavoro a tempo determinato o indeterminato
  • i dipendenti a tempo determinato delle pubbliche amministrazioni
  • gli apprendisti;
  • il personale artistico con rapporto di lavoro subordinato;
  • i soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato con le medesime cooperative
  • gli operai agricoli a tempo indeterminato delle cooperative e dei loro consorzi

Requisiti oggettivi

Di norma la domanda di disoccupazione viene accolta da INPS a fronte della perdita involontaria del lavoro.

Quindi, potrà fare domanda di disoccupazione il lavoratore che:

  • sia stato licenziato 
  • abbia presentato le dimissioni per giusta causa
  • abbia risolto consensualmente il rapporto di lavoro nell’ambito della procedura di cui all’articolo 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604, come modificato dall’articolo 1, comma 40, della Legge n. 92 del 2012.
  • Abbia presentato le dimissioni durante il periodo di maternità (e fino al compimento dell’anno del bambino)
  • Abbia presentato le dimissioni dopo aver fruito del congedo di paternità entro un anno dalla nascita del bambino;
  • Non acconsenta a un trasferimento della sede di lavoro distante oltre 50km dalla precedente o raggiungibile con i mezzi pubblici in più di 80 minuti

Inoltre, sotto il profilo contributivo, il lavoratore dovrà poter far valere, nei 4 anni che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione, almeno 13 settimane di contribuzione.

Si ricorda che l’assegno di disoccupazione è incompatibile con i redditi di lavoro autonomo (superiori ai 5.500 euro) e da lavoro dipendente (superiore agli 8.174 euro).

Termini per la domanda di disoccupazione

La domanda di disoccupazione si può presentare solo una volta che è terminato il rapporto di lavoro ed entro 68 giorni dalla cessazione. Il termine viene sospeso in caso di evento di malattia, infortunio, e/o maternità, per la durata dell’evento.

Misura dell’assegno di disoccupazione

L’assegno di disoccupazione è parametrato al valore della retribuzione imponibile degli ultimi 4 anni. Questa retribuzione va divisa per il numero di settimane di contribuzione e il risultato va moltiplicato per 4,33. Qualora il dato risultante fosse inferiore a 1.352,19 euro, l’importo della NASPI sarà del 75% di detta misura. Qualora fosse superiore, la misura dell’indennità sarà del 75% dell’imponibile della retribuzione con un massimo lordo di 1.470,99 euro. A decorrere dal settimo mese, l’assegno si riduce mensilmente del 3%

Qualora gli utenti volessero avviare un’attività di lavoro autonomo potranno anche chiedere la liquidazione anticipata dell’importo complessivo della disoccupazione.

Avvocato del Lavoro Andrea Mannino

Mi chiamo Andrea Mannino e sono un avvocato specializzato in Diritto del Lavoro

Rivolgiti a me per qualunque problema legato alla sfera lavorativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *