Contattaci

02 2440278

Orario

lun-gio 10 - 13 | 15 - 19 ven 10-13

Email

milano@dirittilavoro.it

Lo scorso 8 novembre 2018 è stata pubblicata l'importante sentenza n. 194 della Corte Costituzionale che ha dichiarato costituzionalmente illegittimo l'automatismo previsto dal jobs act e dal decreto dignità per il risarcimento del danno da illegittimo licenziamento. Come noto, i dipendenti assunti a partire dallo scorso 7 marzo 2015 sono sottoposti alle regole che valgono per il c.d. contratto a tutele crescenti che prevede che, in caso di licenziamento illegittimo, il giudice riconosca un risarcimento del danno pari a due mensilità...

Anche il tribunale di Milano esclude la subordinazione per i riders Dopo il caso Foodora, in analoga fattispecie che ha visto coinvolta la multinazionale spagnola del food-delivery Glovo, il Tribunale di Milano ha escluso la natura subordinata del rapporto di lavoro. Una volta ricostruito il modello di organizzazione di consegna a domicilio tramite piattaforma digidale la subordinazione è stata ritenuta incompatibile tanto con riguardo alla fase di candidatura per rendere la prestazione quanto a quella di esecuzione della prestazione stessa. Quanto alla prima...

ABUSTO DELLO STAGE: QUANDO IL TIROCINIO FORMATIVO NASCONDE UN ORDINARIO RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO Lo stage, altrimenti detto tirocinio formativo è una forma di inserimento temporaneo all’interno dell’azienda con l’obiettivo di consentire ai soggetti coinvolti di conoscere e di sperimentare in modo concreto la realtà lavorativa attraverso una formazione professionale e un addestramento pratico direttamente sul luogo di lavoro (cfr. Min. Lav., risposta ad interpello 3 ottobre 2008, n. 44, doc. 5). I tirocini formativi sono stati introdotti dall’art. 18 della l....

Il contratto di lavoro diverge della lettera di impegno all’assunzione. Cosa fare? Come noto, a norma dell’articolo 1337 del c.c. (rubricato “Trattative e responsabilità precontrattuale”) “Le parti nello svolgimento delle trattative e nella formazione del contratto, devono comportarsi secondo buona fede“. Si tratta di buona fede oggettiva che impone alle parti di comportarsi correttamente sotto il profilo della lealtà e della tutela degli interessi dell’altra parte per non incorrere in comportamenti, dolosi o colposi, lesivi della libertà negoziale altrui, identificandosi soprattutto...

Licenziamento collettivo e criteri di scelta: carichi di famiglia effettivi La sentenza della cassazione 20464 ha ad oggetto la nozione del criterio di scelta legale nell’ambito di una procedura di licenziamento collettivo individuato dall’art. 5, l. 223/91. Nel caso in esame la lavoratrice, licenziata all’esito di una procedura di licenziamento collettivo in applicazione del menzionato criterio, veniva reintegrata sul posto di lavoro dal tribunale di primo grado. La corte di appello confermava la pronuncia. La società datrice di lavoro proponeva ricorso per cassazione...