Orario

lun-gio 10 - 13 | 15 - 19 ven 10-13

Email

milano@dirittilavoro.it

 

Blog

Elenchiamo i principali effetti su lavoro e previdenza derivanti dal riconoscimento da parte del legislatore delle coppie di fatto. in caso di morte del dipendente, le indennità indicate agli articoli 2118 e 2120 del codice civile (ovvero competenze e spettanze di fine rapporto) devono corrispondersi al convivente;in materia di TFR la legge richiama espressamente l'art. 12 bis della L. 89/70 sul divorzio, cosa che comporta il diritto...

L'accesso abusivo all'altrui casella di posta elettronica configura il reato di cui all'art. 615 ter cod. pen. essendo detta casella uno "spazio di memoria", ossia una porzione della complessa apparecchiatura - fisica e astratta - destinata alla memorizzazione delle informazioni, protetto mediante apposizione di una password in modo tale da rivelare la chiara volontà dell'utente di farne uno spazio a sé riservato, e nella disponibilità del...

La vicenda muove dal giudizio di impugnativa del licenziamento promosso da un lavoratore, capo reparto di una grossa catena distributrice, che era stato licenziato per giusta causa dal proprio datore di lavoro in quanto sorpreso in possesso di beni aziendali risultati non pagati. Il lavoratore aveva affermato la mancanza di intenzionalità della propria condotta. Sia il Giudice di primo grado sia la Corte d'Appello accoglievano le...

La nuova procedura per rassegnare le dimissioni articolo estratto da Guida al Lavoro, n. 3/16 La nuova procedura dovrà essere seguita da tutti i lavoratori dipendenti che vorranno rassegnare le dimissioni a decorrere dal 12 marzo 2016.La procedura dettata dal decreto sarà obbligatoria, ai fini dell'efficacia dell'atto, anche a fronte di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro mentre non sarà necessaria a fronte di:1) dimissione della madre o...

Costituisce mobbing la condotta del datore di lavoro, sistematica e protratta nel tempo, tenuta nei confronti del lavoratore nell'ambiente di lavoro, che si risolva, sul piano oggettivo, in sistematici e reiterati abusi, idonei a configurare il cosiddetto terrorismo psicologico, e si caratterizzi, sul piano soggettivo, con la coscienza ed intenzione del datore di lavoro di arrecare danni - di vario tipo ed entità - al dipendente...

L'articolo 2 del D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 81, comma 1, dispone che, a far data dal 1° gennaio 2016, si applica la disciplina del rapporto di lavoro subordinato anche ai rapporti di collaborazione che si concretano in prestazioni di lavoro esclusivamente personali, continuative e le cui modalità di esecuzione sono organizzate dal committente anche con riferimento ai tempi e al luogo di lavoro.Il comma 2...

ASDI, definiti i criteri in attesa della circolare Inps articolo estratto da guida al lavoro, n. 4/16, di GIANNI BOCCHIERI Per poter beneficiare dell'ASDI, il lavoratore che ha percepito la Naspi per tutta la sua durata deve risultare ancora disoccupato e componente di un nucleo familiare, in cui sia presente almeno un minore di 18 anni o abbiano un'età pari o superiore a 55 anni e non abbiano...

Distacco dei lavoratori nei gruppi di imprese: l'interesse è "presunto" come nei contratti di rete articolo di GIAMPIERO FALASCA estratto da guida al lavoro n. 5/16 Con risposta a interpello n. 1 del 20 gennaio 2016 il Ministero del lavoro fornisce, su sollecitazione di Confindustria, alcuni importanti chiarimenti in merito all'interpretazione deldistacco all'interno dei gruppi di imprese, elaborando un'interpretazione che - se fosse confermata dalla giurisprudenza - consentirebbe...

Uso improprio della mail aziendale e licenziamento Articolo di PIETRO GREMIGNI estratto da Guida al Lavoro n. 45/15Consulente aziendale La sentenza della Corte di Cassazione n. 22353 del 2 novembre 2015 è stata ripresa dalla Fondazione dei Consulenti del lavoro con uno specifico parere del 2 novembre 2015.Vediamo allora di fare il punto di questa problematica sempre più all'ordine del giorno nelle realtà aziendali, visto l'incremento dell'utilizzo della...

E' illegittimo il licenziamento per superamento del periodo di comporto intimato dopo la riammissione in servizio del lavoratore.Articolo tratto da Guida al Lavoro, n. 43/15 di Davide de Giorgi La Corte di Cassazione prende posizione su uno dei temi più rilevanti a livello aziendale, e cioè quello relativo all'esistenza o meno di un diritto di "ripensamento" del datore di lavoro che, in un primo momento riammette in...

Utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano cookie sul tuo dispositivo. I cookie sono utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sulla navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Puoi scegliere se abilitare i cookie statistici e di profilazione. Privacy Policy