Contattaci

02 2440278

Orario

lun-gio 10 - 13 | 15 - 19 ven 10-13

Email

milano@dirittilavoro.it

Home 2015 ottobre

ottobre 2015

Lavoro accessorio e disoccupazione: cumulabilità (articolo estratto da Guida al Lavoro, n. 41/15) di ROSSELLA QUINTAVALLE Consulente del lavoro in Roma La disciplina del lavoro accessorio Il D.Lgs. n. 81/ 2015, emanato in attuazione della legge n. 183/2014, ha abrogato e sostituito integralmente gli articoli da 70 a 73 del D.Lgs. n. 276/2003, rivisitando l'intera disciplina del lavoro accessorio attraverso gli articoli dal 48 al 50, nell'ottica di definire la possibilità del ricorso a prestazioni di lavoro accessorio per le attività lavorative in tutti...

Malattia, scarso rendimento e licenziamento: su questi temi è recentemente intervenuta un'ordinanza del tribunale di Milano. Il Tribunale ha statuito che, in linea teorica, è consentita al datore di lavoro la possibilità di intimare un licenziamento se la malattia del lavoratore ne determina uno scarso rendimento. In questo caso, però, il datore di lavoro deve allegare e provare in corso di causa che, di fatto, la prestazione resa dal lavoratore nei giorni di presenza in azienda è inutile. Viene ricordato come: «secondo i...

Licenziamento per giusta causa: ai fini della valutazione della gravità della condotta e, quindi, della proporzionalità fra fatto addebitato e recesso, rileva il pregiudizio anche solo potenziale, purché concreto e non meramente ipotetico, derivante dalla condotta del lavoratore, che va valutata tenendo conto della specificità delle mansioni assegnate, anche a prescindere da eventuali tipizzazioni del contratto collettivo. Cass. Sez. Lav. 4 agosto 2015, n. 16336 - Pres. Vidiri; Rel. Doronzo; P.M. Ceroni; Ric. C.C.S. a.r.l.; Controric. G.M. Con la sentenza in commento...

La giusta causa di licenziamento ricorre, oltre che nel caso di inadempimento tanto grave da giustificare la risoluzione immediata del rapporto di lavoro, anche nell'ipotesi in cui il lavoratore ponga in essere condotte extralavorative che, seppure formalmente estranee alla prestazione oggetto di contratto, nondimeno possano essere tali da ledere irrimediabilmente il vincolo fiduciario tra le parti. Ciò in quanto il lavoratore è tenuto non solo a fornire la prestazione richiesta, ma anche, quale obbligo accessorio, a non porre in essere,...

La Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha adottato una decisione in tema di orario di lavoro che non mancherà di riverberare i suoi effetti sull'organizzazione del lavoro dei trasfertisti e sul loro trattamento economico e normativo, in Italia affidato prevalentemente alla contrattazione collettiva. Il caso di specie riguardava il tempo di spostamento dal domicilio alla clientela di tecnici occupati nell'installazione e nella manutenzione di impianti di sicurezza in abitazioni private e in locali aziendali. Ad avviso della Corte il fattore determinante...